• giovedì 18 ottobre 2018

    anti

    I gadget antistress spopolano tra giovani e meno giovani

    anti

    Una moda che accomuna tutti indistintamente e a prescindere da caratteristiche soggettive; per la precisione sono soprattutto i giovani ad esserne attratti, ma si sta parlando di un qualcosa che non risparmia neanche quelli che sono più in là negli anni.

    Il tutto parte inevitabilmente da un dato evidente: chi non ha mai, almeno una volta nella vita, maneggiato un oggetto nervosamente cercando di sfogare lo stress su di questo? E si fa riferimento ad oggetti comuni di uso quotidiano, da penne ad elastici.

    Ultimamente sono comparsi sul mercato i cosiddetti fidget spinner, quegli oggetti con tre distinte parti rotonde unite simili a trottole ma piatti, per farli ruotare su un perno centrale. Un vero e proprio boom del mercato che per alcuni può perfino essere utile in campo educativo, soprattutto per bambini con problematiche caratteriali; per altri si tratta di un qualcosa da evitare e non a caso molte scuole lo hanno messo al bando.

    Ma parlando di antistress, sul mercato esistono da sempre gadget ed oggetti vari nati proprio con questa finalità: una sorta di moderni scacciapensieri che si trovano a bassissimo costo e che sono comodo per essere portati ovunque.

    I gadget antistress sono di vario genere e secondo diversi studi possono essere realmente efficaci per lo scopo finale; che è quello di scaricare al tensione per l’appunto, magari sul luogo di lavoro favorendo così maggiore produttività ed efficienza.

    E da quando hanno fatto la propria comparsa i gadget sono diventati insostituibili dato che, in precedenza, ci si accaniva su graffetta di metallo, penne, matite, tappi di bottiglie e quant’altro potesse passare sotto mano.

    Diversi esperimenti sono stati portati avanti in ambito lavorativo e quasi sempre si è finito con il dimostrare che questi oggetti antistress, in linguaggio anglosassone definiti divertissement, possono realmente avere un impatto positivo sul posto di lavoro. Magari favorendo maggiore concentrazione e scarico dei nervi, visto che da sempre lo stress è nemico della produttività.

    Ed allora ben vengano palline antistress, elastici, finanche puzzle, giocattoli di masticazione infantile e gadget di ogni forma e colore.

    Tutti strumenti che aiutano a migliorare la concentrazione, diminuire l’ansia e stimolare il pensiero creativo dato che i movimenti che si eseguono possono migliorare la propria consapevolezza contribuendo così al raggiungimento di uno stato mentale che favorisca il raggiungimento del risultato.

    Pubblicato il 12 / 06 / 2018