• giovedì 15 novembre 2018

    malattia

    Barcis, Premio Giuseppe Malattia della Vallata il 15 luglio

    malattia

    BARCIS – Sarà consegnato a Barcis domenica 15 luglio il Premio Letterario Nazionale “Giuseppe Malattia della Vallata”, giunto alla sua 31ª edizione. Molte le novità e, come di consueto, elevata la partecipazione che ha visto concorrere poeti provenienti da tutt’ Italia.

    Questa edizione del Premio Letterario Nazionale dedicato a Giuseppe Malattia della Vallata si è presentata con una novità che, pur apparendo un azzardo, si è rivelata azzeccata.

    La decisione, presa di concerto dal comitato organizzatore e dalla giuria, di puntare solamente su componimenti poetici nei dialetti italiani e nelle lingue minoritarie, eliminando la sezione dedicata alle poesie in lingua italiana, poteva essere un bel rischio, ma i 189 poeti che hanno mandato le loro opere (erano stati solo 85 nella scorsa edizione per la medesima categoria) hanno dimostrato che la vitalità delle parlate dialettali è più che mai d’attualità.

    II Premio Malattia, quindi, continua la sua tradizione grazie al sostegno di Regione Friuli Venezia Giulia, Comune di Barcis, Pro Barcis, Fondazione Friuli e della stessa famiglia Malattia.

    Tutti molto vicini alla manifestazione e presenti alla conferenza stampa svoltasi nei giorni scorsi: Claudio Traina sindaco di Barcis, il consigliere regionale Christian Vaccher, il presidente Morandini e la prof.ssa Liviana Covre in rappresentanza della Fondazione Friuli, Maurizio Salvador in veste di presidente del comitato organizzatore, Giacomo Vit, Aldo Colonnello, Rosanna Paroni Bertoja membri della giuria e Roberto Malattia.

    “Dobbiamo solo ringraziare chi si adopera per proseguire con l’organizzazione di questa manifestazione e chi la sostiene perchè con il loro lavoro permettono al nostro paese di promuoversi e farsi conoscere – ha sottolineato il sindaco Traina. Impressione confermata dal Presidente della Fondazione Friuli, Morandini che ha ricordato di aver conosciuto il paese della Valcellina “guardando le immagini delle premiazioni del Premio Malattia sui TG Regionali, quando ero ancora un ragazzo. Per questo sono orgoglioso di poterlo sostenere tramite la Fondazione che presiedo”

    Premiazioni che anche quest’anno si svolgeranno nel Piazzale di Palazzo Centi, domenica 15 luglio a partire dalle 11.00. Alle 10, nella parrocchiale di Barcis, sarà celebrata la Santa Messa. La giuria presieduta da Tommaso Scappaticci e composta da Roberto Malattia, Aldo Colonnello, Fabio Franzin, Rossana Paroni Bertoja, Fabio Maria Serpilli e Giacomo Vit ha selezionato 12 finalisti su un totale di ben 189 partecipanti. 17 le regioni rappresentate.

    Il bouquet dei 12 ritenuti più meritevoli è composto da: Saragei Antonini (Catania), Bianca Borsatti (Claut), Francesco Crosato (Carbonera, TV), Mario Cubeddu (Seneghe, OR), Vicenzina di Muzio (Manoppello, PE), Clara Kaisermann (Mezzolombardo, TN), Marcello Marciani (Lanciano, CH), Maurizio Noris (Albino, Bg), Michele Obit (S. Pietro al Natisone, UD), Salvatore Pagliuca (Muro Lucano, PZ), Alfredo Panetta (Settimo Milanese, MI) e Annalisa Teodorani (Santarcangelo di Romagna, RN). Alla cerimonia verranno annunciati i tre poeti che avranno conquistato il podio e si potranno ascoltare le loro poesie intervallati da piacevoli intermezzi musicali curati da Gianni Fassetta e Franco Giordani.

    Ma la giornata non si esaurirà lì. Infatti si è pensato di varare un premio in memoria di Pierluigi Cappello, che oltre ad essere stato un grandissimo poeta era anche un amico e sostenitore del Premio Malattia del quale per anni aveva fatto il giurato.

    A spiegare le motivazioni del nuovo premio ci ha pensato Valentina Gasparet: “Sono felice di partecipare al’istituzione di questo premio perchè ricorda un poeta, un giurato, ma soprattutto un amico che ci manca molto. Abbiamo pensato di organizzare due sezioni che avvicinassero temi che lo appassionavano molto. Per questo abbiamo riservato un premio ad un libro di poesie in dialetto o lingue minoritarie e l’altro ad un libro di poesie, non necessariamente in dialetto dedicato ai bambini e ragazzi”

    La giuria composta da Aldo Colonnello, Fabio Franzin, Valentina Gasparet, Roberto Malattia, Maurizio Salvador, Christian Sinicco, Gian Mario Villalta e Giacomo Vit, ha deciso di premiare “La seconda cicara de tè” del poeta veneziano Andrea Longega mentre nella sezione delle poesie per bambini c’è stato un ex aequo: “Viaggio verso. Poesie nelle tasche dei jeans” di Chiara Carminati e “Piccoli Amori” di Azzurra D’Agostino si sono aggiudicate il primo riconoscimento del neonato premio e saranno presenti alla cerimonia che si terrà sulle smeraldine sponde del Lago Aprilis.

    Pubblicato il 14 / 07 / 2018