Andare a vivere a Milano: consigli utili

Milano è una del città italiane tra le più ambite per quanto riguarda il lavoro, ma anche gli studi, in quanto è ricca di stimoli e propone uno stile di vita cosmopolita ed internazionale. Tale incredibile realtà urbana, che ha un’importante storia alle spalle, viene definita attualmente come La piccola Londra e La nuova capitale europea.

Tuttavia, bisogna dire che Milano è una città costosa, che, se non si conosce bene, non consente di risparmiare. Il vantaggio per chi ci vive, è di avere un’ampia scelta un po’ su tutto, ma certamente le spese da sostenere sono piuttosto elevate e possono mettere in crisi anche coloro che possono permettersi una vita agiata.

Ma, dunque, è possibile riuscire a far parte di tale importante centro urbano anche se non si può contare su un lavoro troppo remunerativo o no? Certamente sì, basta seguire qualche piccolo accorgimento e valutare con attenzione diversi aspetti, così da non doversene pentire successivamente.

Il trasporto: mezzi pubblici o macchina?

Milano è ben collegata ed i mezzi di trasporto pubblici sono efficienti e facili da utilizzare. Anche gli abbonamenti prevedono costi competitivi e non troppo eccessivi.

Tuttavia, per coloro che necessitano di utilizzare la macchina, che in molti casi può rivelarsi il sistema migliore per effettuare gli spostamenti, anche se il traffico cittadino può essere davvero intenso, il consiglio è quello di non acquistare una vettura, in quanto, oltre all’imponente investimento di denaro iniziale, è necessario dover fare i conti con una serie di spese annue piuttosto rilevanti, che vanno a gravare non poco sul bilancio familiare.

In questo caso la scelta migliore è quella di optare per il noleggio a lungo termine, in modo da versare un canone mensile fisso e non doversi preoccupare del bollo, del tagliando dell’RC auto, del cambio degli pneumatici e della manutenzione ordinaria e straordinaria.

In questo modo risparmiare è facile e davvero conveniente. Sei alla ricerca di una società di noleggio valida? Ti consiglio di partire da Google per poi vedere recensioni e feedback in forum e social: generalmente le più apprezzate sono le società storiche del settore, Ard Auto, siti come Finrent che hanno dietro società attive da più di 15 anni: fai attenzione a capire da quanto tempo una società nell’nlt è nel settore e non ha quindi tante recensioni e storico per valutarne l’affidabilità.

Alloggio: quartieri periferici, centrali o provincia?

Per chi deve stare attento alle spese, la scelta di cercare un appartamento nella zona centrale di Milano non è indicata, in quanto solitamente gli affitti sono piuttosto elevati.

Di fatto, in alcune zone è possibile trovare anche qualche interessante offerta, ma solo se si conosce qualcuno del posto. Anche la zona periferica è da sconsigliare, in quanto i prezzi delle case sono davvero eccessivi, in quanto molto ambita.

La soluzione più valida, quindi, è quella di vivere fuori città, come del resto fanno molti milanesi, in uno dei numerosi comuni limitrofi, dove è possibile condurre un’esistenza piacevole, ma senza dover spendere una fortuna. Di fatto, una volta usciti dall’urbe la vita è meno frenetica e anche l’inquinamento tende a ridursi notevolmente, il che può essere importante soprattutto per chi ha una famiglia e dei figli piccoli.

Anche le zone verdi risultano estremamente più numerose e perfette per passare dei momenti piacevoli in compagnia di amici e familiari. Dunque, prima di trasferirsi in questa grande città è bene valutare con attenzione il budget a disposizione per l’alloggio e visitare le varie zone, in modo da individuare quella più adatta alle proprie necessità economiche e funzionali.

Cibo: negozietti o supermercati?

Andare a vivere a Milano, una delle città più care d’Italia, vuol dire dover anche valutare con attenzione le spese relative al cibo. Tale metropoli è ricca di negozietti gastronomici e di fruttivendoli di ogni tipo, ma è davvero conveniente acquistare qui il cibo? Certamente no, in quanto i prezzi sono molto più elevati, ma del resto ciò non capita solamente a Milano, ma un po’ in tutto il Bel Paese, in quanto i piccoli alimentari, soprattutto posti nelle zone centrali, devono fare i conti con costi di affitto e di gestione elevati.

Di fatto, la cosa migliore è sicuramente puntare alle grandi catene dei supermercati, i cui prezzi, solitamente, subiscono variazioni non troppo elevate da una città all’altra. Sicuramente, è importante anche non tralasciare la qualità degli alimenti, evitando, quindi, i discount e puntando ai marchi più affidabili. Tuttavia, bisogna dire che a Milano le possibilità non mancano per poter mangiare bene e senza spendere una fortuna, basta sapersi organizzare. Al limite, una volta intraprese nuove amicizie, è bene farsi aiutare a scovare proposte interessanti, altrimenti difficili da individuare.

Condividi