Expo, Principi di Porcia e Ministero Ambiente assieme per il vino sostenibile

L’eccellenza enogastronomica pordenonese, e in particolare i vini Principi di Porcia, hanno ricevuto un altro importante riconoscimento all’Expo milanese.

Una delegazione dell’azienda agricola della famiglia dei Principi di Porcia, guidata dal Principe Guecello di Porcia, è stata infatti protagonista all’Esposizione universale – assieme al Ministero dell’Ambiente e ad altre nove prestigiose aziende – di una convention e una degustazione speciale dedicate ai migliori vini italiani prodotti nell’assoluto rispetto dell’ambiente.

L’evento, dall’eloquente titolo “Vino, modello di sostenibilità e benessere”, si è tenuto al padiglione del vino “A Taste of Italy” lo scorso venerdì 11 settembre, nell’ambito del progetto ministeriale “Viva – La sostenibilità della vitivinicoltura in Italia”, a cui i Principi di Porcia aderiscono. Un progetto, quello del Ministero, che mira appunto a incentivare e premiare le produzioni di qualità a basso impatto ambientale.

«Far parte del gruppo di vignaioli che fanno dello sviluppo sostenibile il leitmotiv del loro metodo produttivo – ha commentato con soddisfazione il Principe Guecello di Porcia – è un orgoglio per la nostra cantina, essendo i vini presentati venerdì ad Expo tra le eccellenze italiane. La qualità ambientale va di pari passo con quella del prodotto – ha concluso – e un plauso va al Ministero dell’Ambiente per l’ iniziativa».

Iniziativa, peraltro, perfettamente in linea con gli scopi dell’Expo e cioè garantire alimenti sani e sicuri nel rispetto del Pianeta.

Ma in linea anche con le pratiche “green” dei Principi di Porcia, la prima azienda in Italia a vantare la prestigiosa certificazione Energy saving company. Tutto ciò grazie all’impiego, nelle cantine del Castello di Porcia e nelle fattorie di Azzano Decimo, di tecnologie verdi e energie rinnovabili per produrre vino e altri prodotti agricoli di pregio riconosciuto. Facendo bene all’ambiente.

Condividi