Longarone, Forcolin inaugura una Agrimont straordinaria

LONGARONE (BL) – “Una platea importante per quello che è il mondo economico e produttivo di questo territorio e non solo. Le aziende espositrici sono i veri attori di questa manifestazione. A noi spetta un compito fondamentale, quello di assisterli. Lo stiamo facendo con una partecipazione di 65 milioni di euro sui fondi europei e una particolare attenzione alla montagna. Opportunità che vanno colte tutti insieme: al territorio, alla Provincia, al Comune e ai GAL. Fondamentali questi ultimi, perché ci aiutano a fare rete e a fare squadra”.

Così ieri mattina, 18 marzo, all’inaugurazione il vicepresidente della Regione Veneto, Gianluca Forcolin, esprimendo il proprio plauso per il lavoro svolto dal Presidente di Longarone Fiere, Giorgio Balzan, e da tutto il Consiglio di Amministrazione. Dello stesso avviso anche il Direttore di Veneto Agricoltura, Alberto Negro, il quale ha anche aggiunto: “la presenza di Veneto Agricoltura all’interno di Longarone Fiere è assolutamente importante per lavorare insieme e continueremo ad esserci con un percorso sempre più vicino e partecipativo”.

E per Giorgio Balzan l’agricoltura, in particolare nella provincia di Belluno, oggi è “ancora più importante, per l’ambiente, il mantenimento del territorio sia dal punto di vista idrogeologico che paesaggistico, per lo sviluppo del turismo, e ancora agricoltura vuol dire alimentazione e qualità dei prodotti, ma soprattutto vuol dire Valori Veri, impegno, dedizione, perseveranza”.

Ma colpisce questa 38. edizione di Agrimont per l’imponente presenza di macchine e attrezzature agricole, oltre al fatto di non aver lasciato alcun spazio libero: 274 marchi aziendali, 139 espositori diretti provenienti da 13 Regioni italiane e 14 Paesi esteri rappresentati. Non mancano inoltre i momenti di approfondimento e confronto.

In particolare domani avrà luogo nel Centro Congressi a partire dalle 9.00 il convegno “L’apicoltura nel futuro tra Tecnologia, Innovazione e Ricerca” organizzato da Apimarca che si prefigge lo scopo di far conoscere sempre meglio l’ape allevata e di contrastare vecchie e nuove patologie o criticità che si possono presentare oggigiorno: un’opportunità di sicuro rilievo per gli apicoltori di apprendere nuove tecniche e nuove possibilità di sviluppo del settore.

Sempre durante la cerimonia è stato consegnato dalle mani del Vicepresidente Gianluca Forcolin e del presidente dell’Associazione Bellunesi nel Mondo, Oscar De Bona, assistiti dal Presidente di Longarone Fiere, Giorgio Balzan, e dal Presidente della MIG, Fausto Bortolot, il quarto “Premio Ivano Pocchiesa”, istituito da Longarone Fiere alla memoria del giornalista bellunese scomparso tre anni fa e riservato ad un operatore della comunicazione e quest’anno il riconoscimento è andato a Eraldo Levati per l’attenzione e il contributo al mondo del gelato artigianale nella sua attività giornalistica.

Da segnalare infine una lodevole iniziativa di Coldiretti Belluno che mette in campo gli Agritutor: nello stand Coldiretti ad Agrimont sarà presente un consulente che risponderà a tutte le domande su come poter sviluppare un’idea innovativa e sulle opportunità offerte dal Piano di sviluppo Rurale. Domande per esempio su come si apre un agriturismo, come si fa a vendere i propri ortaggi o di che autorizzazioni c’è bisogno per la trasformazione dei propri prodotti.
Agrimont continua anche domani con orario 9-19 per riprendere poi venerdì prossimo, 24 marzo, alle 14.30.

Condividi