Alzati i veli sulla giunta Ciriani: 4 donne e 4 uomini

PORDENONE – .  Il nuovo sindaco, Alessandro Ciriani, ha presentato la giunta comunale, la squadra cioè che lo affiancherà nel prossimo quinquennio.

“L’impegno – ha detto il primo cittadino – è quello di dare un’immagine nuova alla città in pochi mesi. La gente si attende un cambio di passo e noi non possiamo deluderla”.

L’esecutivo è composto da quattro uomini, quattro donne, un consigliere delegato che, nelle intenzioni del sindaco, è quasi un assessore.

Questi, gli assessori, cominciando dagli uomini: vicesindaco sarà Eligio Grizzo (Lega Nord) che, secondo gli ultimi accordi tra i partiti dovrebbe passare dopo un anno il testimone a Simone Polesello; Grizzo, oltre a essere il “numero due” del Comune, ha le deleghe a politiche sociali e immigrazione.

A Emanuele Loperfido (Fratelli d’Italia) spetta la sicurezza, il commercio, la polizia locale e la protezione civile.

Pietro Tropeano, cofondatore, con il sindaco, della lista Ciriani, è il nuovo assessore alla cultura e alla sanità (delega all’ospedale, alla riforma sanitaria, alla cittadella della salute e ai rapporti con l’Aas5).

Walter De Bortoli (Forza Italia) è il responsabile di lavori pubblici, demanio, patrimonio e sport.

Alessandro Basso, che ha perso l’assessorato vero e proprio per la questione delle “quote rosa” (l’obbligo, per legge, di avere lo stesso numero di uomini e donne) ha un’importante delega  su tutto il mondo dell’istruzione, dagli asili al consorzio universitario, dal rapporto coi dirigenti alla valutazione del fabbisogno in materia di edilizia scolastica.

Quanto alle donne, Cristina Amirante (Lista Ciriani) ha il referato alla pianificazione, all’urbanistica, alla mobilità e ai parcheggi.

Mariacristina Burgnich (Fratelli d’Italia) ha l’assessorato al bilancio e alle partecipate, oltre al controllo di gestione.

Stefania Boltin (Lega Nord) ha la delega all’ambiente, ai rifiuti e alla zonizzazione acustica) mentre Guglielmina Cucci (Forza Italia) ha la gestione delle politiche europee.

Il sindaco, infine, terrà per sè grandi eventi e valorizzazione della città, oltre alla delega alle Uti.

Quanto al primo consiglio comunale, l’appuntamento è non prima del 21 luglio, con il compito, importante, di approvare il bilancio consuntivo e l’impegno, manifestato da Ciriani, di approvare il bilancio di previsione già il prossimo autunno.

Condividi