Anziani e furti in casa: i consigli della Polizia

PORDENONE – Nelle ultime settimane sono stati segnalati alcuni furti commessi a danno di persone anziane che vengono raggirate da criminali privi di scrupoli.

Spesso viene usata la tecnica del finto tesserino del dipendente Inps o di qualche società di servizi o delle forze di polizia, per infondere fiducia alle persone che vivono da sole, e perpetrare a loro danno dei furti all’interno delle abitazioni.

Specialmente nel periodo estivo, durante il quale le famiglie si dividono per trascorrere le vacanze, i truffatori entrano in azione per colpire le persone anziane rimaste da sole e i soggetti più deboli e vulnerabili.

Si invitano pertanto tutti i cittadini a non far entrare in casa sconosciuti per evitare di incorrere in episodi analoghi.

In tutti i casi, anche quando venisse esposto un tesserino di riconoscimento, si consiglia di chiamare immediatamente il 112, perché normalmente la Polizia o altri enti non chiedono di poter entrare in un’abitazione se non in presenza di situazioni particolari o su richiesta dell’interessato.

Inoltre dal sito della Polizia di Stato potranno essere acquisite tutte le indicazioni e i consigli per gli anziani e soggetti più deboli.

Condividi