Camera di commercio unica: Basso “battaglia per dignità provincia”

PORDENONE – Un’autentica ingiustizia che ha fatto scattare una forte dose di rivalsa da parte di amministratori, imprenditori, associazioni di categoria e cittadini.

Sono stati davvero in tanti a partecipare, martedì 26 giugno, all’Ex Convento di San Francesco, a partecipare all’incontro di mobilitazione per la Camera di commercio e le istituzioni pordenonesi, combattendo per la nostra realtà territoriale, riuniti in un accorato appello.

“Una battaglia – commenta il consigliere regionale Alessandro Basso – che non riguarda le sole funzioni dell’ente Camera di Commercio, ma che coinvolge la dignità e i diritti della nostra provincia. Come è stato ben espresso dai rappresentanti delle Istituzioni durante quest’incontro promosso dalle categorie, tengo anch’io da consigliere regionale a sottolineare la volontà di appoggiare pienamente la partita per la difesa del territorio pordenonese e delle sue istituzioni”.

“E’ stato commesso un grave errore – aggiunge – nell’aggredire la tipicità della nostra realtà provinciale; non è stato tenuto conto delle richieste specifiche dei cittadini e, soprattutto, è stato negato il riconoscimento della simbologia di una terra che ha nella sua forza economica, industriale, manifatturiera e professionale ad ampio spettro i suoi valori e le sue eccellenze”.

“Ben venga allora – rimarca Basso – la rivisitazione delle competenze alla Regione verso l’acquisizione della competenza in materia di Camere di Commercio; noi ci impegneremo soprattutto a sostenere gli interventi in direzione di una tutela e riaffermazione dell’orgoglio pordenonese ai vari livelli politici”.

Venerdì 22 giugno, intanto, nello splendido Palazzo Montereale Mantica di Pordenone, tutte le categorie economiche, le istituzioni e tutti i rappresentanti politici, a vario livello, si erano ritrovati insieme per accordarsi affinché il nostro territorio venga salvaguardato, per la battaglia contro l’annessione della nostra Camera di Commercio – che significa per noi Interporto, Fiera, Pordenone Legge e via dicendo – da parte di Udine e per costituire invece un’unica realtà regionale.

“Una battaglia giusta e doverosa – conclude Basso – a cui anche noi cittadini dobbiamo unirci”.

Condividi