Carta dei Diritti della Bambina, Fidapa premia le scuole

PORDENONE – Lunedì 18 novembre nella Sala Consiliare del Comune di Pordenone sono stati presentati e premiati gli elaborati delle scuole che hanno partecipato al Concorso sui diritti della bambina organizzato da Fidapa BPW Pordenone per il 2018/19.

Obiettivo del Concorso: Far riflettere i bambini sul tema della parità di genere attraverso lezioni di educazione civica al fine di diffondere la Carta dei Diritti della Bambina.

La nuova presidente della Fidapa Pordenone Sonja Pin, dopo i saluti, ha ringraziato il pubblico per la presenza, e il Comune di Pordenone per il patrocinio concesso all’Associazione.

L’Assessore alle Pari Opportunità del Comune di Pordenone Guglielmina Cucci ha evidenziato l’importanza di garantire il sostegno a iniziative che portano avanti la tutela della donna fin dalla nascita: una doppia tutela, perchè una “donna-bambina” raddoppia la sua vulnerabilità. Raffaella Zannoni, referente Fidapa BPW distretto Nordest e fautrice del progetto, ha enunciato i 9 articoli della Nuova Carta dei diritti della Bambina e ha quindi esposto gli elaborati insieme alle insegnanti Nunzia Pagliaro (5^A Scuola Carlo Collodi, IC Pordenone Centro) e Manuela Poggioli (5^B Scuola Margherita Hack dell’IC di Maniago).

I lavori delle due classi, utilizzando differenti modalità di comunicazione come la poesia e il disegno, hanno messo in evidenza quanto l‘attività sia stata svolta con grande impegno ed entusiasmo sia dalle femmine che dai maschi. Gli elaborati sono stati apprezzati moltissimo.

Di profondo impatto quelli di Angelica e Nour che chiedono il diritto ad avere una famiglia che le protegga come una perla in una conchiglia. O quelli di Omar e Louis, coinvolti dall’art.1 della Carta, che promettono di trattare con rispetto tutte le donne che incontreranno nella loro vita.

Tutti chiedono il diritto di mangiare , studiare, giocare, stare bene e avere una famiglia. Il prezioso intervento di Marco Faion, sostituto procuratore della Repubblica del Tribunale di Pordenone, ha aggiunto un quadro di grande spessore nel delineare le nuove misure legislative, introdotte da luglio scorso, a tutela dei minori vittime di violenza domestica e di genere.

Norme che aiuteranno senza dubbio a risolvere problematiche purtroppo sempre più frequenti, come dimostrano i numeri dei reati raddoppiati negli ultimi anni. Annamaria Poggioli, già presidente della commissione regionale Pari Opportunità FVG e vicepresidente Fidapa BPW Pordenone, riflettendo sui dati forniti dal dottor Faion, ribadisce che, anche se a volte la tentazione è grande, non deve mai essere gettata la spugna ed esorta le socie a continuare a lavorare tutte insieme.

Le due classi vengono premiate con buoni per l’acquisto di materiale didattico offerti da Fidapa BPW Pordenone.

Raffaella Ferli

Condividi