Ciriani “Profughi, restituiamo parchi e piazze alla loro funzione naturale”

PORDENONE – “Profughi a Pordenone: chi non ha fatto niente quando poteva almeno abbia la decenza di tacere”.

Comincia così il post del sindaco, Alessandro Ciriani, sul suo profilo facebook, oggi, 5 luglio.

“Non so se i provvedimenti che ci apprestiamo a varare – aggiunge il primo cittadino – saranno o meno risolutivi ma almeno, dopo una settimana dall’insediamento, ci stiamo provando”.

“Potenziamento dei controlli e del personale di vigilanza, lavoro volontario per 50 profughi, sospensione temporanea e sperimentale del wi-fi, nuove iniziative commerciali e culturali per le piazze. Stiamo tentando di restituire parchi e piazze alle loro funzione naturale che, di certo, non è quella del bivacco”.

“Se questo – conclude Ciriani – produrrà dei disagi momentanei (come per il wi fi) ce ne scusiamo ma speriamo che si comprenda la necessità di una collaborazione di tutti per arginare un fenomeno così complesso”.

Condividi