Colombiano bloccato con lo spray dalla polizia locale

PORDENONE – Nei giorni scorsi una pattuglia della polizia locale di Pordenone è intervenuta per fermare un’aggressione avvenuta nel pomeriggio in piazza Risorgimento.

Un ragazzo colombiano, brandeggiando un collo di bottiglia rotto, stava cercando di colpire al volto e al ventre un altro giovane suo connazionale che tentava di difendersi coprendosi con uno zaino. Scesi dalla vettura, gli agenti della municipale si sono frapposti fra i due contendenti per proteggere il ragazzo disarmato.

Nonostante avessero intimato all’aggressore di posare la bottiglia, l’uomo si è scagliato anche contro di loro, rendendo necessario l’utilizzo dello spray al peperoncino per neutralizzare l’azione violenta.

Il tempestivo intervento della polizia locale ha evitato che l’aggressione prendesse una strada dai probabili risvolti infausti. In supporto sono arrivate anche due pattuglie della polizia di Stato.

Il trentenne residente a Pordenone (C.V. le inziali) è stato portato al comando di polizia locale dove è stato indagato per resistenza a pubblico ufficiale e minacce. La persona aggredita, inoltre, ha sporto querela.

Per l’assessore alla sicurezza Emanuele Loperfido “il monitoraggio continuo del territorio, una formazione costante, le dotazioni adeguate per affrontare anche le situazioni pericolose, sono i capisaldi della polizia locale ottimamente guidata da Massimo Olivotto.

Continueremo a investire in questo senso per permettere sempre ai nostri agenti di operare in sicurezza e continuare a garantire sicurezza a una città fondamentalmente tranquilla come la nostra. A loro va il nostro ringraziamento per aver saputo, con grande professionalità, contenere il rischio di una situazione che poteva diventare pericolosa”.

Condividi