Concerto per il decennale dalla scomparsa di Tiziano Forcolin

PORDENONE – Personalità eclettica quella del Maestro Tiziano Forcolin, caratterizzata da una passione per la cultura in tutte le sue forme, in particolare per la musica, e con una dedizione speciale nel trasmetterla al prossimo che ne fece una vera eccezione prima a Vittorio Veneto, sua città natale, e successivamente a Pordenone, spaziando anche in altre città del territorio e all’estero.

A dieci anni dalla sua scomparsa nasce “ Concerto per un amico, Tiziano Forcolin. 10 anni…l’armonia continua” per rendere omaggio alle sue doti umane e capacità artistiche; l’evento è in programma sabato 18 gennaio, alle 20.45, all’Auditorium Concordia di Pordenone dove si esibirà l’Air Orchestra diretta dal maestro Paolo Pessina con la Corale Femminile Vittoriese & friends e numerosi solisti fra i quali: Stefano Sciascia, contrabbasso, Riccardo Pes, violoncello, Maurizio Baldin, pianoforte, Manuela Kriscak, soprano, Alessandro Pozzetto, tenore, Romeo Salamon e Roberto Turrin, pianoforte, Gianni Fassetta, fisarmonica, Elisa Fassetta, violoncello e Michele Toffoli, violino.

L’ingresso sarà a offerta libera – destinata ad una raccolta di fondi per un progetto di ricerca del C.R.O. di Aviano – tuttavia la prenotazione sarà obbligatoria telefonando (anche per informazioni) al numero 3933318732 dalle 17 alle 19. L’evento è organizzato col patrocinio del Comune di Pordenone e il sostegno dell’Accademia Musicale Pordenone e Fadiesis.

Fin da giovane Forcolin dimostra tutta la sua energia e la sua intraprendenza mettendosi in gioco con la partecipazione a numerose attività musicali già esistenti nella zona e non. A Pordenone ideò il Concerto Grosso, nel quale, grazie alla collaborazione con vari amici musicisti, fu il primo a realizzare in Città un evento che unisse il repertorio e gli strumenti classici a quelli tipici del rock, spaziando anche nel repertorio composto da colonne sonore tratte da film di successo. Allo stesso modo avvenne per i Concerti al Chiostro: la città infatti deve a Forcolin questo appuntamento estivo e in particolar modo l’utilizzo che tutt’ora viene fatto dell’Ex Convento di San Francesco, in particolare del Chiostro, una sede prima di allora inutilizzata ma dall’enorme potenziale.

Tuttavia, la creatura di cui indubbiamente andava più orgoglioso e con cui operò più a lungo fu senza dubbio l’Orchestra e Coro San Marco, che diresse dal 1989 al 2009, di cui fece parte anche come orchestrale e come componente del Consiglio direttivo fin dal 1977.
Per una decina d’anni Tiziano Forcolin fu anche Organista e Maestro di cappella del Duomo Concattedrale di San Marco. Inoltre come direttore di coro fu partecipe di svariate attività all’interno dell’Usci di Pordenone (Unione Società Corali).

Ma il suo tratto più distintivo in ogni caso rimane quello della generosità con la quale si spendeva in attività a favore dei giovani: prima al Don Bosco, quindi in varie scuole della provincia, come il liceo Leopardi-Majorana nel quale fonda l’orchestra dell’istituto. Fondamentale però, fu la creazione del concorso Crescendo, con lo scopo di dare la possibilità ai giovani solisti di esibirsi mettendo loro a disposizione un’orchestra di professionisti.

Tantissime le iniziative in cui era coinvolto, fra esse l’associazione Accademia Musicale Pordenone, suo ultimo progetto, che oggi, realizza il sogno, suo e dei suoi colleghi e amici, di portare la musica e i ragazzi in un’antica dimora ricca di arte e bellezza, a lui tanto cara, quale Villa Brugnera.

Condividi