Denunciata dalla Polizia locale per guida con alcol e droga

PORDENONE – Un piccolo incidente, la collisione tra due automobili per mancata precedenza all’uscita dal parcheggio, ha consentito alla pattuglia della Polizia locale di Pordenone di rilevare infrazioni ben più significative.

Recentemente durante una manovra al parcheggio in via San Giuliano, una Volkswagen Passat condotta da un sessantatreenne italiano in compagnia della moglie e una Fiat Panda alla cui guida c’era una giovane donna pordenonese trentaseienne, si sono scontrate.

Una pattuglia della Polizia Locale guidata dal comandante Stefano Rossi, chiamata dall’autista della Passat, aveva riscontrato danni minimi ai due veicoli, ma contemporaneamente aveva notato uno stato di agitazione e preoccupazione da parte della conducente dell’utilitaria.

Ed inoltre si era fatta raggiungere anche dal padre per supportarla nel diverbio scoppiato tra i due conducenti.

All’accertamento dei fatti, la donna aveva confessato agli agenti di essere senza patente poiché le era stata ritirata lo scorso dicembre ed inoltre ammetteva di avere bevuto un paio di aperitivi alcolici e di aver fumato due spinelli.

Volontariamente aveva accettato di sottoporsi alla prova dell’etilometro che rivelava valori non consoni alla guida e successivamente, accompagnata in ospedale, aveva consapevolmente acconsentito ad effettuare prelievi di campioni biologici.

I riscontri ufficiali degli esami clinici comunicati nei giorni scorsi, hanno confermato la positività della donna all’uso di cocaina, cannabinoidi ed alcol per un valore di circa tre volte oltre il limite, ( 1,47 g/l), e quindi è stata denunciata per guida sotto l’effetto di alcol e droga, ai sensi degli art. 186 c. 2 lett. b), 186 c. 2 bis e 187 c. 1 del Codice della Strada. La macchina è stata sottoposta a fermo amministrativo dell’automobile per tre mesi ed affidata alla custodia del padre.

“Esprimo il mio apprezzamento al lavoro deli agenti della Polizia locale – commenta l’assessore Emanuele Loperfido – che mettono in pratica le linee dell’Amministrazione comunale per un stringente controllo delle territorio e per garantire la legalità a beneficio dei cittadini”.

Condividi