Denunciato titolare di un distributore stradale di carburanti

PORDENONE – La Guardia di Finanza di Pordenone ha denunciato il gestore di un distributore stradale di carburanti responsabile dei reati di frode in commercio e di truffa aggravata ai danni della Regione Friuli Venezia Giulia.

Le indagini delle Fiamme Gialle sono partite dopo che alcuni clienti avevano segnalato delle anomalie ripetute circa i quantitativi di carburante erogati dal distributore che apparivano palesemente inferiori a quelli pagati.

Per ricostruire la truffa i finanzieri hanno incrociato migliaia di tracce informatiche custodite presso varie banche dati, bancarie e regionali, giungendo a individuare oltre 8.200 erogazioni di carburante in quantità inferiore a quella pagata a danno di 2.581 clienti truffati per complessi 99.460,00 euro.

Nel corso delle indagini è anche emerso che il gestore dell’impianto stradale aveva truffato la Regione Friuli Venezia Giulia registrando, tramite l’apposito lettore della carta regionale dei servizi agevolati (cd. “tessera carburante”), erogazioni mai effettuate o effettuate in quantità inferiore.

Dalle indagini è infatti emerso che l’uomo talvolta aveva indebitamente utilizzato tessere custodite a bordo delle autovetture che ignari clienti gli avevano temporaneamente affidato per piccole manutenzioni, o di cui aveva avuto la disponibilità a vario titolo.

Dagli accertamenti sono risultate 1.171 “strisciate” illecite con 113 tessere diverse per una truffa alla Regione FVG di 14.460,00 euro complessivi.

A seguito delle indagini, la Procura delle Repubblica di Pordenone ha richiesto il sequestro preventivo per equivalente del profitto dei reati contestati, provvedimento accolto dal GIP ed eseguito dai finanzieri che hanno individuato e sequestrato oltre 113.000,00 euro a carico del titolare del distributore stradale.

Condividi