Friuladria a gonfie vele, trimestrale con utile a 15 milioni

PORDENONE – Buone notizie per Crédit Agricole in Italia.

Il risultato netto aggregato dell’istituto di credito nei primi tre mesi del 2019 è pari a 222 milioni di euro, in crescita dell’11,4% a/a, grazie a un sempre maggiore coordinamento sinergico tra le diverse linee di business del Gruppo.

I buoni risultati trimestrali del Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia trovano conferma anche nell’andamento di FriulAdria che al 31 marzo 2019 ha registrato un utile netto di quasi 15 milioni con una crescita anno su anno di oltre l’11%.

Tale performance è legata in particolare alla forte spinta del comparto mutui che rappresenta il principale driver di sviluppo della banca in Friuli Venezia Giulia e Veneto: 1.135 i nuovi mutui casa erogati da FriulAdria nel primo trimestre, in incremento del 19% rispetto al trimestre precedente, mentre quasi 7 mila sono i nuovi clienti acquisiti nel periodo considerato.

Il Gruppo è composto, oltre che dal Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia, anche dalle società di Corporate e Investment Banking (CACIB), Credito al Consumo (Agos, FCA Bank), Leasing e Factoring (Crédit Agricole Leasing e Crédit Agricole Eurofactor), Asset Management e Asset Services (Amundi, CACEIS), Assicurazioni (Crédit Agricole Vita, Crédit Agricole Assicurazioni, Crédit Agricole Creditor Insurance) e Wealth Management (CA Indosuez WM, Banca Leonardo e CA Indosuez Fiduciaria).

Per quanto riguarda il Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia l’utile netto nel primo trimestre del 2019 si attesta a 61 milioni di euro, in crescita del 2% a/a.

Cresce il sostegno all’economia reale e ai bisogni di famiglie e imprese, con un aumento degli impieghi (+5% a/a) e delle nuove erogazioni di mutui casa (+14% a/a). I volumi finanziati di credito al consumo salgono dell’11% rispetto a marzo del 2018, così come gli impieghi medi alle imprese che crescono del 2% a/a, con l’Agri-Agro che sale del 2% rispetto a dicembre 2018.

Aumentano i clienti acquisiti (+7,4% a/a) con un significativo contributo del canale digitale (il 27% dei nuovi conti è online).

Il Gruppo conferma una grande attenzione al Worklife Balance e alla formazione dei collaboratori: circa 1300 dipendenti utilizzano lo smart working (più del 40% del bacino potenziale) e sono state erogate circa 60 mila ore di formazione nel primo trimestre del 2019.

Il Gruppo Crédit Agricole ha ottenuto un utile netto di gruppo nei primi tre mesi del 2019 di 1,435 miliardi di euro (+6,1% a/a). Crédit Agricole S.A. ha riportato nello stesso periodo un utile netto di 796 milioni di euro (+1% a/a)

Giampiero Maioli è il Responsabile del Crédit Agricole in Italia.

Condividi