Lutto benzinaio, l’Ascom vicina alla famiglia “Una grande perdita”

PORDENONE – Ascom-Confcommercio Imprese per l’Italia di Pordenone partecipa al grande dolore che ha colpito l’intera famiglia Tesolin, gestori da molti anni di impianti di carburante in città, per la tragica scomparsa di Gianantonio Tesolin, noto imprenditore che con la moglie gestiva da oltre quindici anni la stazione di rifornimento Esso di via Montereale.

Per il presidente che guida la categoria provinciale aderente all’Ascom-Figisc , Claudio Favaro, è una grande perdita: “ Gianantonio è sempre stato un grande lavoratore, disponibile con tutti e pieno di doti umane. Alla pompa di benzina serviva i clienti sempre con il sorriso, impegnato sempre a dare il meglio di se, soprattutto, con professionalità. Poi la famiglia che adorava assieme alle due figlie”.

“La scomparsa di Gianantonio ha profondamente colpito la nostra categoria di benzinai e per questo siamo molto vicini alla famiglia e al papà Armando che gestisce l’impianto di viale Grigoletti”.

Espressioni di cordoglio sono giunte anche dal presidente della Confcommerio del Friuli Venezia Giulia nonché provinciale, Alberto Marchiori, che ha espresso partecipazione e dolore alla famiglia, unitamente al direttore Ascom di Pordenone, Massimo Giordano.

L’attività imprenditoriale dei Tesolin si è sempre distinta all’interno della struttura associativa dell’Ascom-Confcommercio, tant’è che per molti anni sono stati i veri promotori della crescita e dello sviluppo del settore Terziario.

La data dei funerali non è stata fissata: manca ancora il nullaosta del magistrato che potrebbe disporre l’autopsia.

Condividi