Perizia psichiatrica per marocchino che ha ucciso moglie e figlia

PORDENONE – Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Pordenone, Alberto Rossi, ha accolto l’istanza di incidente probatorio per l’accertamento peritale della capacità di intendere e di volere di Abdelhadi Lahmar, il marocchino accusato di avere ucciso il 16 aprile 2015 a Pordenone la moglie e la figlia.

L’istanza era stata presentata dal difensore di Lahmar, avvocato Gianluca Liut. L’udienza per il conferimento dell’incarico ai due psichiatri nominati dal Tribunale si terrà il prossimo 17 settembre.

Su istanza del Pubblico Ministero Federico Facchin la perizia psichiatrica sarà estesa all’accertamento dell’attuale pericolosità sociale dell’uomo.

L’avvocato ha chiesto che l’accertamento sia esteso alla verifica della possibile incidenza sulla capacità di intendere e volere di Lahmar derivante dall’assunzione di alcuni psicofarmaci rinvenuti nell’abitazione in cui è avvenuto il duplice delitto.

Condividi