Pizza “In prima persona” contro la violenza sulle donne

PORDENONE – L’idea è senza dubbio originale e siamo convinti che, in un Paese come il nostro, troverà molti consensi.

Si tratta di un piatto in cui siamo celebri in tutto il mondo, la pizza, prezioso alimento con cui raccogliere fondi da destinare alla lotta contro la violenza sulle donne.

L’ iniziativa nasce dalla collaborazione tra l’associazione “In prima persona – Uomini contro la violenza sulle donne” e la pizzeria Alla Scimmia di Porcia che ha  espresso il proprio sostegno, appunto, realizzando una pizza, che si chiamerà “In prima
persona”.

Creata dal titolare Angelo Veneruso, la pizza (possiamo assicurarlo avendola provata in anteprima)  è molto gustosa. La base di impasto è tradizionale ed è presente un’abbondante farcitura composta da ingredienti appetitosi quali i pomodorini gialli e rossi, la mozzarella
di bufala e il pesto.

Da oggi, 23 maggio, sarà disponibile nel menù e intende lanciare un messaggio rivolto a una nuova cultura del rispetto e della dignità della persona.

“Su questo tema della violenza contro le donne – sottolinea il titolare – ognuno può fare la propria parte. Noi abbiamo pensato in questo modo di offrire un contributo”.

L’iniziativa proporrà un’opera di sensibilizzazione che prevede
la possibilità per ciascun cliente di sostenere l’attività dell’associazione “In prima persona” attraverso un contributo volontario. Una cassettina sarà lasciata sul banco principale della pizzeria. Su ogni tavolo, poi, sono collocate le cartolinelegate all’associazione maschile, con tutti gli indirizzi e i recapiti per chi volesse entrare a fare parte del sodalizio.

Nel corso della presentazione, Guglielmina Cucci, assessore del
Comune di Pordenone, ha evidenziato l’importanza dell’iniziativa che “rafforza l’impegno dell’associazione sul tema della violenza di genere, in linea con i progetti portati avanti dal Comune.

Un giudizio lusinghiero viene espresso anche dall’assessore
del Comune di Porcia, Roberto Calabretto, che ritiene lodevole ampliare in modo nuovo la sensibilizzazione su un tema così importante e “per questo, da tempo, abbiamo avviato insieme un’efficace collaborazione”.

“In questo periodo – precisa Nicola Mannucci, presidente
di “In prima persona” – stiamo realizzando numerosi progetti
su diversi temi . Tra le varie iniziative, segnalo un importante convegno dedicato alla tutela delle donne vittime di violenza”.

Condividi