Polizia e vacanze, consigli per evitare brutte sorprese

PORDENONE – Nell’imminenza del periodo più intenso di esodo verso i luoghi di villeggiatura, la Polizia di Stato richiama i consigli approntati per aiutare i cittadini che vogliono godere di un periodo di ferie, senza incorrere in brutte sorprese al loro rientro in città.

I suindicati consigli si possono consultare nel sito ufficiale www.poliziadistato.it – al link “consigli”.

Si sottolinea, ovviamente, che la Polizia di Stato è da sempre impegnata nel contrastare i furti nelle abitazioni, anche quando queste sono lasciate chiuse, in assenza di persone.

Ci sono alcuni semplici accorgimenti che si possono adottare per scoraggiare eventuali ladri e che possono sembrare banali, ma dall’esperienza diretta che abbiamo ci sentiamo di consigliarvi.

Ad esempio non è difficile immaginare che i primi posti esaminati dai ladri in cerca dei vostri nascondigli per oggetti di valore siano armadi, cassetti, vasi, quadri, letti e tappeti eppure molte persone ancora li utilizzano. Quindi se proprio dovete nascondere in casa degli oggetti sarà utile fare ricorso ad un po’ di inventiva.

Consigli per la sicurezza della casa Quando sei assente

Per brevi periodi

· Lascia qualche luce accesa, la radio, l’impianto stereo o il televisore in funzione.

· Chiudi sempre la porta a chiave e non lasciare le chiavi sotto lo zerbino o in altri luoghi alla portata di tutti.

· Ricorda che i messaggi sulla porta dimostrano che in casa non c’è nessuno.

· Se hai oggetti di valore che devi lasciare in casa fotografali: in caso di furto ne faciliterai la ricerca.

· Sensibilizza anche i vicini affinché sia reciproca l’attenzione a rumori sospetti sul pianerottolo o nell’appartamento. Nel caso non esitare a chiamare il 112 “NUE”.

· Se tornando a casa trovi la porta aperta o chiusa dall’interno, non entrare. Potresti scatenare una reazione istintiva del ladro che si vede scoperto. Non fare l’eroe e telefona subito al 112 “NUE”.

Per lunghi periodi

· Non far sapere ad estranei i tuoi programmi di viaggi e vacanze. Evitate di pubblicare su social network (Facebook o altri) i vostri programmi di viaggio poiché queste informazioni possono arrivare indirettamente a persone poco raccomandabili;

· Installa, se ti è possibile, un dispositivo automatico che, ad intervalli di tempo, accenda le luci, la radio, la televisione.

· Evita l’accumularsi di posta e pubblicità nella cassetta delle lettere chiedendo ad un vicino di ritirarla.

· Non divulgare la data del tuo rientro e, anche alla segreteria telefonica, non dare informazioni specifiche sulla tua assenza.

Un’abitazione sicura

Rendi sicure porte e finestre. Ideale è una porta blindata con serratura antifurto e spioncino.
Se puoi installa in casa un sistema di antifurto elettronico o vetri antisfondamento.
In alternativa è sempre valido il ricorso alle grate, purché siano robuste e lo spazio tra le sbarre non superi i 12 centimetri.
Se l’interruttore della luce è all’esterno, proteggilo con una cassetta metallica per impedire che qualcuno possa staccare la corrente.
E’ meglio non tenere in casa grosse somme di denaro, gioielli o oggetti di valore.
Ricordati che luce e rumore tengono lontano i malviventi: se sei solo tieni accesa la luce in due o più stanze per simulare la presenza di più persone.
Se sei in casa tieni la porta protetta col paletto o la catena di sicurezza;
se ti senti in pericolo chiama subito il 112 “NUE”.

Se hai bisogno della riproduzione di una chiave incarica una persona di fiducia evitando possibilmente di riportare su targhette nome e indirizzo.
Se perdi la chiave di casa o subisci uno scippo o un borseggio, cambia la serratura.
Assicurati, uscendo e rientrando, che la porta di casa ed il portone del palazzo restino ben chiusi.
Non far sapere, fuori dall’ambiente familiare, se in casa ci sono oggetti di valore o casseforti né dove si trova la centralina dell’allarme.
Consigli per la sicurezza della casa

Per concludere, suggeriamo di fotografare i beni di valore che potrebbero essere oggetto di furto. In caso di furto (o anche di rapina) infatti vi consigliamo di consegnarne una foto al momento della denuncia per poterla inserire nella bacheca online, consultabile sul sito della Polizia di Stato: www.poliziadistato.it.

La bacheca online è divisa in categorie e puoi selezionare la città in cui fare la ricerca oppure estenderla a tutta Italia perché spesso le cose rubate vengono ritrovate in una città diversa da quella in cui hai subito il furto

Questo servizio è stato appositamente istituito per contenere informazioni e foto di oggetti denunciati e/o ritrovati in modo da rendere più agevole ai legittimi proprietari la ricerca tra i beni eventualmente sequestrati a seguito di indagini e ottenerne la riconsegna.

Condividi