Rapina alla gioielleria, la solidarietà della categoria

PORDENONE – Piena solidarietà e conforto da parte di tutta la categoria provinciale del Gruppo Federpreziosi dell’Ascom Confcommercio è stata espressa a Giampaolo Frangiamore, titolare della storica gioiellieria Senigaglia, in corso V. Emanuele a Pordenone rapinata sabato scorso da quattro banditi.

“Siamo molto vicini al nostro collega preso di mira da professionisti del crimine che hanno agito in pieno centro storico, animato da tanta gente per le spese natalizie – ha spiegato Aldo Biscontin presidente della categoria nonché responsabile del mandamento Ascom – . Una rapina in una gioielleria pordenonese che ci ha lasciato sgomenti in quanto una cosa simile non era mai accaduta. Adesso siamo preoccupati che fatti così gravi si ripetano anche negli altri centri maggiori del capoluogo”.

A Frangiamore è giunta anche la solidarietà della Federpreziosi di Udine, guidata da Cristina Antonutti che ha espresso preoccupazione per l’escalation di furti e rapine ai danni dei negozianti, sempre più esposti ad azioni criminose da parte di malviventi senza scrupoli.

Per i due rappresentanti di categoria il periodo è molto difficile, soprattutto per la concomitanza con le festività natalizie, e per questo è necessario un maggior monitoraggio degli organi di polizia nei centri storici e nelle ore di apertura dei negozi.

Sul fenomeno della criminalità che anche nel nostro territorio sembra prendere sempre più consistenza rispetto ad altre province, c’è da parte della categoria gioiellieri e dell’intera struttura associativa dell’Ascom-Confcommercio la proposta di convocare al più presto un tavolo interprovinciale con prefetti e forze dell’ordine.

Condividi