Rotary International premia Club Pordenone Alto Livenza

PORDENONE – Il Rotary Club Pordenone Alto Livenza ha ottenuto l’Attestato Rotary dal presidente del Rotary International, Ian Riseley, per i risultati raggiunti nell’annata 2017-2018.
L’attestato viene assegnato direttamente dal Rotary International, sulla base delle attività svolte e degli obiettivi conseguiti.
Nel Distretto Rotary cui appartiene Pordenone (Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia) è stato conseguito solo da sette club (su 89).

“Accolgo con entusiasmo e orgoglio questo riconoscimento che premia l’intensità con cui abbiamo vissuto tutte le missioni rotariane nell’annata appena conclusa”, afferma Luigi Campello, presidente dell’annata, “sviluppando dibattiti culturali, incontri con protagonisti e Istituzioni e, soprattutto, molte attività di servizio per la comunità e, in particolare, per i giovani, alcune molto innovative e tutte ad alto contenuto sociale. Ricordo solo GENITORI CONNESSI che offre una formazione ai genitori alla dimensione mediatico- digitale sempre più necessaria a seguire i ragazzi e che verrà riproposto anche quest’anno con su temi di assoluta attualità e necessità; La RINASCITA DEL BOSCO DI SAN MARCO un progetto ambientale e sociale nella comunità di Villanova; lo SCAMBIO GIOVANI, progetto permanente, che consente ai ragazzi di vivere esperienze in altri paesi del mondo e per il quale il nostro Club è diventato, per competenza e professionalità, un riferimento nel territorio e, infine il Convegno LINO ZANUSSI, LEZIONI PER IL FUTURO, al quale hanno aderito tutte le Istituzioni territoriali, con l’obiettivo di ricordare l’imprenditore e, soprattutto, valorizzarne l’eredità sempre attuale e farne motivo di orgoglio per la comunità”
Ringrazio il Direttivo che ha guidato, con me, quest’annata, tutti i soci che hanno condiviso e partecipato alle iniziative con passione ed entusiasmo e la Comunità Pordenonese che ci ha affiancato e sostenuto in molti progetti”.

L’attestato sarà consegnato direttamente dal Governatore del Distretto, in una sua prossima visita.

Condividi