Scuola, partite le riqualificazione estive in diversi edifici

PORDENONE – Scuole chiuse agli studenti ma non agli operai del Comune. L’amministrazione municipale ha infatti avviato, come anticipato a maggio scorso, una nuova tranche di sistemazioni e riqualificazioni in diverse scuole di propria competenza (asili, elementari e medie). In alcuni istituti i lavori sono già partiti, in altri verranno avviati nelle prossime settimane. E il sindaco Alessandro Ciriani ha voluto fare un sopralluogo in alcune scuole per verificare di persona lo stato dei lavori.

Le opere più consistenti riguardano la primaria Da Vinci, a Vallenoncello. Al suono della prima campanella, bambini e maestre troveranno un edificio decisamente rinnovato. In corso pitture interne e esterne e risanamenti murari per garantire ambienti più piacevoli e salubri. Interventi anche su grondaie, soffitti e l’illuminazione di alcune aule. In programma anche un riordino del giardino. La nuova aula informatica 4.0 è invece già pronta.

Anche alla Rosmini si stanno eseguendo risanamenti murari e ritinteggiature, porte comprese. A volte basta poco per rendere un ambiente più accogliente e così gli architetti del Comune hanno fatto colorare le botole del corridoio dalle quali passa la luce, ottenendo un gradevole effetto. Previsti interventi di sistemazione anche nell’area esterna. Migliorìe in vista anche nel giardino della scuola d’infanzia di via Mantegna, con il prossimo arrivo di nuovi giochi. Già effettuate, invece, le tinteggiature dell’area esterna.

«Continuano – ha commentato Ciriani – i nostri costanti interventi di manutenzione nelle scuole di nostra competenza (asili, elementari, medie, ndr). Abbiamo già investito parecchi milioni di euro e proseguiremo nei prossimi anni. Lo facciamo per almeno due ragioni: primo, vogliamo che le scuole siano adeguate alle aspettative e esigenze di alunni, insegnanti, genitori. Secondo, qualunque amministrazione verrà dopo di noi non dovrà trovarsi nelle condizioni in cui ci siamo trovati. Abbiamo ereditato una situazione veramente grave. Le scuole mancavano da decenni di manutenzioni, tinteggiature, rifacimento impianti, antisismica. Noi vogliamo invece lasciare un patrimonio edilizio in cui siano sufficienti manutenzioni ordinarie, anche per ragioni di costi» ha concluso.

Diverse le riqualificazioni – tra tinteggiature, sistemazioni varie, adeguamento degli impianti – anche in altri istituti. Coinvolte le scuole d’infanzia di via Cappuccini, viale della Libertà e viale Martelli, le primarie Grigoletti e Lozer, l’asilo nido Aquilone. A settembre, inoltre, al via l’adeguamento sismico della primaria Gabelli: i lavori si svolgeranno negli scantinati senza interferire con l’attività didattica.

Condividi