Il Pordenone calcio a due costruttori veneti?

PORDENONE – Ultima ora: sarebbero due costruttori veneti, da indiscrezioni che pordenoneoggi è in grado di fornire, gli imprenditori che affiancherebbero l’attuale presidente Lovisa nella gestione del Pordenone calcio, ormai sempre più vicino alla promozione in serie B.

Da parte di Lovisa le bocche sono completamente cucite, anche per un più che giustificato aspetto scaramantico, aspetto che nel mondo del pallone, conta moltissimo. Attendiamo, è il ritornello del presidente, la promozione matematica e poi parlerò. Lo stato del’arte parla di una formazione neroverde in vetta al campionato di Lega Pro (girone B) con 7 lunghezze di vantaggio sulla più immediata inseguitrice, la Triestina. Questo, a sole 3 giornate dal termine della stagione

Sabato 20 aprile, alle 14.30, i neroverdi saranno di scena a Gubbio e vedremo se sarà quella la giornata giusta per festeggiare.

Ora, quindi, è il momento delle indiscrezioni e quella che possiamo anticipare riguarda, appunto, due costruttori veneti molto interessati alla realizzazione del nuovo stadio cittadino, che potrebbe vedere la luce nell’arco di 2-3 anni. Nel frattempo, il Pordenone giocherebbe a Udine.

E’ noto che l’ex vicepresidente della Regione, Sergio Bolzonello e il sindaco del capoluogo, Alessandro Ciriani, stanno cercando di convincere imprenditori pordenonesi ad affiancare Lovisa, facendo così restare la società in mano a persone del territorio.

E’ altrettanto vero che, se questa operazione andasse in porto, non ci sarebbe alcuna esigenza di cedere i diritti sportivi (ipotesi che si era fatta strada tempo fa dopo l’interessamento di una cordata trevigiana che avrebbe la “benedizione” del sindaco della Marca Mario Conte e, ancora più su, del Governatore veneto Luca Zaia), e il Pordenone rimarrebbe tale. Nei prossimi giorni ne sapremo di più.

Maurizio Pertegato

 

Condividi