Denunciato per furto aggravato in esercizio pubblico

FIUME VENETO – Nell’ambito dell’attività di contrasto ai reati predatori, i Carabinieri di Fiume Veneto hanno denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Pordenone R.R., disoccupato di 34 anni, residente a Fiume Veneto, resosi responsabile di furto aggravato e tentato furto aggravato in danno del Bar “Botega dal Moro” ubicato in quella via Marconi.

Le indagini dei Carabinieri sono state avviate con la segnalazione di furto aggravato commesso nella notte del 10/11 dicembre, quando ignoti, dopo avere forzato una finestra, si erano introdotti nei locali del bar e si erano impossessati di una cassetta metallica contenente circa 300 euro in contanti e 47 buoni pasto del valore di 5,29 euro ciascuno.

Successivamente, nella notte del 15/16 dicembre 2015, qualcuno aveva cercato di introdursi nuovamente nello stesso bar, ma non era riuscito a scardinare la porta di ingresso ripiegando sul tentativo, risultato vano, di frantumare la vetrata di una finestra.

Quest’ultima operazione, tuttavia, era costata all’autore del reato una ferita alla mano destra, come successivamente accertato e testimoniato dalle tracce di sangue lasciate sugli infissi.

L’attento sopralluogo, la visione delle telecamere del sistema di videosorveglianza comunale e gli accertamenti tecnici svolti nell’immediatezza dei fatti hanno quindi permesso di acquisire elementi indiziari tali da orientare le indagini nei confronti di alcuni soggetti visti nel locale nei giorni precedenti.

Importante, in particolare, la presenza di un’utilitaria notata nel centro abitato di Fiume Veneto in circostanze di tempo e luogo compatibili con l’azione criminosa.

Ricorrendo, infine, a metodi tradizionali, ieri mattina l’indagato, sottoposto a precise domande e contestazioni, non ha potuto fare altro che ammettere tutti gli addebiti.

L’intera refurtiva, a conclusione della conseguente perquisizione domiciliare, è stata recuperata e restituita al legittimo proprietario.

Condividi