La Delizia vola su Alitalia. Boom spumanti per la cantina casarsese

CASARSA DELLA DELIZIA – Dai migliori ristoranti d’Italia a quelli di St. Moritz, perla del turismo invernale in Svizzera. Dai party esclusivi di New York a quelli di Mosca passando per tutte le grandi capitali d’Europa.

Sono solo alcuni dei prestigiosi luoghi in cui si può brindare con i vini dei Viticoltori Friulani La Delizia, la più grande cantina del Friuli Venezia Giulia con sede a Casarsa della Delizia che celebra un 2016 ricco di successi commerciali e lancia nuovi progetti per il 2017.

La linea di spumanti Naonis ha da poco tagliato il traguardo del milione di bottiglie vendute (nel 2014, anno d’esordio, erano state 150 mila in tutto) mentre la linea SassTer è appena stata scelta da Alitalia per essere servita a bordo dei voli di lunga tratta in Business Class. A inizio del prossimo anno invece sarà lanciata la nuova linea Friulvini, la quale eredita un nome storico dell’enologia friulana riempiendolo di significati moderni e “marchiandolo” con un’etichetta d’eccezione che riporta in alto l’aquila del Friuli.

“Siamo molto orgogliosi per questi traguardi – ha dichiarato Flavio Bellomo presidente dei Viticoltori Friulani La Delizia – che premiano il grande lavoro fatto da tutti noi, a partire dai soci fino a tutti i dipendenti e alla rete commerciale. Sono numeri positivi che testimoniano l’apprezzamento dei mercati per i prodotti di qualità della nostra cantina e che incoronano Casarsa tra i punti di riferimento dei vini friulani specialmente per quanto riguarda gli spumanti”.

“Abbiamo potenziato – ha aggiunto il direttore commerciale dei Viticoltori Friulani La Delizia Mirko Bellini – in questo ultimo triennio la nostra rete vendita, che oggi conta oltre cento agenti presenti in tutte le regioni d’Italia e dediti anche al settore Ho.Re.Ca. I vini La Delizia sono ora serviti in bar di tendenza tra i giovani, protagonisti dall’aperitivo fino ai cocktail, come anche in locali prestigiosi, ultimo dei quali il Palace Hotel di St. Moritz in Svizzera che li ha inseriti nella propria carta dei vini. Un cammino che continuerà prossimamente con la nuova linea Friulvini: vini d’eccellenza ideali per le grandi occasioni che porteranno il nome del Friuli in giro per tutto il mondo, senza dimenticare l’importante accordo raggiunto per la fornitura dei voli Alitalia”.

NAONIS. La linea Naonis ha appena superato il traguardo di 1 milione di bottiglie vendute solo in Italia in questo 2016, un numero che testimonia l’apprezzamento del mercato per i vini di qualità della cantina e che conferma Casarsa quale “capitale” delle bollicine friulane.

Fin dal 2014, anno del lancio ufficiale, la linea Naonis si è imposta per la sua proposta innovativa: il sapore eccellente degli spumanti friulani è stato racchiuso in una bottiglia elegante e dall’etichetta con i colori vivaci, capace di comunicare i suoi punti di forza fin dal primo sguardo. Gli spumanti Naonis sono nati per celebrare feste e grandi occasioni e sono stati da subito apprezzati per questa loro carica piena di energia, trovando il proprio posto di rilievo all’interno del grande trend di crescita degli spumanti di questi ultimi anni.

I NUMERI. Se nel primo anno la linea Naonis aveva avuto vendite per 150 mila bottiglie, da lì in poi è iniziata l’ascesa che ha portato al traguardo di 600 mila bottiglie nel 2015 e di 1 milione nei primi dieci mesi del 2016, anno che si concluderà con 1 milione 200 mila bottiglie vendute in Italia.

Sono 6 i vini inseriti nella linea: il Prosecco Doc Extra Dry e il Prosecco Doc Brut che rappresentano insieme il 60% delle vendite (10% e 50%); lo Jadér Cuvée Brut, un uvaggio che anche nel nome è una creazione totale della cantina casarsese (30%); il Moscato Dolce, la Ribolla Gialla Brut, il Rosé Extra Dry che insieme raggiungono il 10%. Inoltre dal luglio del 2016 si è aggiunta la linea Naonis Collection, che comprende gli spumanti d’eccellenza Il Nostro Brut e il Prosecco Doc Extra Dry Millesimato.

MOSAICO. In occasione del milione di bottiglie vendute, i Viticoltori Friulani La Delizia hanno commissionato alla Scuola Mosaicisti del Friuli di Spilimbergo del presidente Alido Gerussi, altra istituzione d’eccellenza che porta con successo il nome regionale nel mondo, la riproduzione in mosaico delle etichette Naonis le quali, applicate a delle bottiglie di spumante, saranno ora utilizzate per celebrare ulteriormente questo prestigioso traguardo.

LA FESTA. La Delizia ha deciso di festeggiare il milione di bottiglie anche con tutta la comunità di Casarsa della Delizia, organizzando insieme al pubblico esercizio Punto d’Ombra, in piazza Italia, il The Million Party, momento celebrativo del traguardo raggiunto con brindisi per tutti venerdì 2 dicembre dalle 18 alle 20.

LA FORZA DELLA CANTINA. I dati produttivi confermano i Viticoltori Friulani La Delizia come leader delle cantine del Friuli Venezia Giulia. Sono circa 2 mila gli ettari coltivati da 450 soci, dei quali 500 ettari a Prosecco e 700 a Pinot Grigio. I quintali di uva prodotta sono 300 mila. Grazie al lavoro di una sessantina di dipendenti tra la sede storica di Casarsa della Delizia e quella nuova di Zoppola vengono prodotte più di 23 milioni di bottiglie.

Di queste 10 milioni sono di spumanti (all’interno delle quali 9 milioni sono di Prosecco) mentre 9 milioni di bottiglie sono di Pinot Grigio. “Nel 2017 – ha sottolineato il presidente Bellomo – puntiamo a superare i 50 milioni di fatturato, confermando la nostra vocazione all’export visto che esportiamo il 60% del nostro prodotto in oltre 30 Paesi del mondo, con Europa e Nordamerica quali mercati storici di riferimento e ampie possibilità di sviluppo in aree come la Cina e la Russia. Ma anche il mercato italiano, che richiede il 40% della nostra produzione, è per noi molto importante”.

“Sia in Italia che nel mondo – ha aggiunto il direttore commerciale Bellini – il 60% della produzione è destinata alla grande distribuzione e il 40% all’Ho.Re.Ca., nel quale siamo presenti in ogni tipologia di esercizio commerciale, dal ristorante al bar, dal pub alla discoteca: segno di una copertura commerciale ampia e attenta alle esigenze dei clienti”.

SASSTER. La linea di vini fermi SassTer espressione del territorio della Doc Friuli Grave raggiungerà ora un pubblico ancora più ampio, grazie ad Alitalia che li ha scelti per inserirli nella propria carta dei vini presente nei suoi voli di lunga tratta in Business Class.. “Un traguardo significativo – hanno dichiarato Bellomo e Bellini – raggiunto grazie al nostro impegno a livello commerciale, dimostrando così di poter relazionarci anche con le grandi aziende nazionali. Sarà un vero piacere far assaporare ai passeggeri un sorso di Friuli ad alta quota”. I vini della linea SassTer sono il Sauvignon, Ribolla Gialla, Traminer Aromatico, Merlot, Refosco dal Peduncolo Rosso, Chardonnay, Friulano e Pinot Grigio.

I PREMI. In questo triennio La Delizia ha ricevuto diversi premi a livello internazionale. Gli ultimi in ordine di tempo sono le medaglie d’oro per il Prosecco Doc Extra Dry all’Asia Wine Trophy, il più grande concorso enologico del continente asiatico che ha visto in lizza più di 2 mila 600 vini a Daejeon in Corea del Sud e al Berliner Wine Trophy, che nella capitale tedesca ha visto in gara 10 mila 770 vini. In quest’ultimo concorso medaglia d’oro pure per la Ribolla Gialla SassTer.

FRIULVINI. Ora l’impegno della cantina casarsese si concentrerà, con l’inizio del 2017, nel lancio della nuova linea Friulvini. “Con un evento speciale – hanno concluso Bellomo e Bellini – sveleremo i vini della nuova linea, la quale riporterà nel proprio marchio, moderno ma allo stesso tempo ancorato alla tradizione, l’Aquila del Friuli che vola verso nuovi e importanti traguardi”.

Condividi