“Luglio a tutto tennis”: conclusi tornei allo Sporting Porcia

PORCIA – Nell’ambientazione dello Sporting Porcia si è svolta dal 7 al 30 luglio la competizione FIT (Federazione Italiana Tennis) “Luglio a tutto tennis”, formata da tornei di singolare maschile, singolare femminile, doppio maschile e doppio misto.

E se i numeri non ingannano, anche quest’anno è stato un successone: 127 iscritti al singolare maschile, 24 al singolare femminile, 32 coppie di giocatori al doppio maschile e 15 per quello misto.

Cifre che, per un torneo di provincia, fanno la loro parte. Probabilmente però, parlare di torneo di provincia non è del tutto corretto vista la provenienza dei partecipanti.

Coloro che, per sfidarsi, hanno fatto tappa nel territorio purliliese sono partiti da tutta la provincia (Tc Linus, Eurosporting Cordenons, Tc Pordenone, Tc Caneva, ecc.), come anche dalle altre località della regione (Tennis Natisone, Modus Tarcento, Tc Martignacco, Tc Fiumicello, ecc.) e dal Veneto (Tc Motta di Livenza, Tennis 6.0 San Vendemiano, Sporting Club 2001 Vittorio Veneto, Tc Portogruaro, ecc.).

Sono molti anni, ormai, che questa competizione è in essere, basti pensare che per il singolare maschile, il più longevo tra i tornei indicati, si tratta della ventisettesima edizione. Nel tempo le iscrizioni sono aumentate esponenzialmente e quello dello Sporting Porcia è diventato sempre più uno dei fiori all’occhiello tra i tornei FIT del triveneto che caratterizzano le estati dei tennisti agonisti di terza e quarta categoria. A questi livelli, diciamocelo, si gioca, arrivati ad un certo punto dei tabelloni, comunque un bel tennis, ma minimamente paragonabile a quello professionistico.

Il caldo afoso che caratterizza la bassa friulana in pieno luglio non ha arrestato la voglia di “Luglio a tutto tennis” delle centinaia di partecipanti e dell’ottima cornice di pubblico, presente soprattutto per i gli incontri di punta.

La particolare e ormai consueta offerta del circolo di casa, un ingresso gratuito alla piscina per ogni quota d’iscrizione versata, forse ne ha fomentato l’interesse, permettendo al tennista anche di pensare ad un relax pre o post partita per ovviare al problema delle calde temperature che hanno investito lo Sporting per quasi tutta la totalità del mese.

Meritano una speciale menzione le quattro finali, svoltesi tra sabato 29 (i due doppi) e domenica 30 (i due singolari).

Finale doppio maschile, Marcovina-Pinotti vs Piuzzo-Tamai: ben tre giocatori su quattro a sfidarsi in questa finale provenivano dallo Sporting Porcia, mentre il quarto, Piuzzo, dal Tc Maniago. Una partita a senso unico, che ha portato Marcovina-Pinotti a candidarsi campioni con un netto 6/2 6/1 sugli avversari. Il risultato parla di una partita che di storia non ne ha avuta molta, nonostante si debba comunque sottolineare che sul 40 pari il regolamento prevedeva, per tutte le partite di doppio, il punto secco e non i vantaggi, situazione più difficile nella gestione di tali game.

Finale doppio misto, Tamai-Turchetto vs Gaiardo-Granzotto: altra vittoria di un duo proveniente dal circolo di casa. È di 6/1 6/4, infatti, il punteggio a favore della coppia Tamai-Turchetto, che rimane nettamente in controllo per l’intera durata del match. Gli altri finalisti, entrambi del Tc Motta di Livenza, si sono mostrati forse un po’troppo tesi per l’approdo alla finale, non dimostrando a pieno il bel gioco offerto anche nei precedenti turni.

Finale singolare femminile, Roman vs Turchetto: 7/5 4/2 e ritiro il risultato finale. Vince Turchetto portando in casa Sporting il terzo trofeo di giornata, battendo l’avversaria (Tc Natisone) ritiratasi nel finale per un risentimento al polpaccio. Da sottolineare come la vincitrice abbia fin da subito impresso il suo ritmo alla partita, giocando alla grande soprattutto i primi game.

Finale singolare maschile, Cuzziol-Tonon (da destra a sinistra nella foto): forse la più attesa delle finali, finita 6/2 6/4 in favore di Cuzziol, del Tc Conegliano, già vincitore del torneo due anni fa. Partita che ha dimostrato come questo forse sia effettivamente di un’altra categoria, mentre Tonon, del Tennis 6.0, è sembrato soffrire il peso della finale.

Condividi