Poesia: a Portogruaro, Trieste e Firenze il premio ‘Malattia’

BARCIS – Consegnati ieri, 12 luglio, a Barcis, i riconoscimenti della 28/a edizione del premio nazionale di poesia “Giuseppe Malattia della Vallata”, tra i più prestigiosi, in particolare per le composizioni nelle lingue delle minoranze etniche.

Le poesie di Guido Cupani, di Portogruaro (Venezia), e Fulvio Segato, di Trieste, si sono classificate prime nella sezione lingua italiana.

Rino Cavasino, di Firenze, è il vincitore nella sezione delle lingue delle minoranze etnolinguistiche italiane e nelle parlate locali, che ha visto al secondo posto Antonio Cosimo De Biasio di Cordenons (Pordenone) e terzi, ex aequo, Emanuele Bertuzzi di Rauscedo di San Giorgio della Richinvelda (Pordenone) e Massimo Buset di Pordenone.

Nella sezione della poesia in lingua italiana, dietro i due vincitori si è piazzato Giovanni Trimeri, di Arten (Belluno), mentre terzo è giunto Benito Galilea, di Roma.

Sono inoltre state segnalate le opere di Maria Natalia Iriti, di Bova Marina (Reggio Calabria), Paolo Polvani di Barletta (Barletta-Andria-Trani), Maria Milena Priviero, di Pordenone, e Daniela Raimondi di Alghero (Sassari).

Nella sezione riservata alle minoranze sono stati segnalati anche Giovanni Benaglio di San Giovanni Lupatoto (Verona), Clara Kaisermann di Mezzolombardo (Trento) e Francesco Sassetto di Venezia.

Condividi