Progetto fotografico Borderlands, sabato 19 a Malnisio

MONTEREALE VALCELLINA – Verrà presentato sabato 19 ottobre alle 17:30 a Malnisio, nella suggestiva cornice della ex centrale idroelettrica “Pitter”, il progetto fotografico “Borderlands”, che la fotografa italiana Paola Leonardi, docente alla London Metropolitan University, ha dedicato alle terre marginali dell’Europa.

L’incontro fa parte dell’ormai consueto programma di anteprime autunnali della rassegna culturale pordenonese “Il dialogo creativo” e viene realizzato in collaborazione con il circolo Arci Tina Merlin e con il circolo Legambiente delle Prealpi Carniche di Montereale Valcellina.

Paola Leonardi, che sarà in Italia proprio per questa occasione, racconterà l’evoluzione del suo progetto, iniziato in Istria, alla ricerca delle radici della sua famiglia. Verrà proiettata una selezione di immagini raccolte dalla fotografa negli ultimi sette anni, durante i suoi viaggi appunto nei territori di confine dell’Europa.

La sua ricerca fotografica si concentra nella rappresentazione dell’identità culturale, le sue sfumature e i cambiamenti legati all’abitare in un territorio. Paola Leonardi ha realizzato diverse mostre individuali e ha partecipato a mostre collettive soprattutto nel Regno Unito, dove vive, ma anche in diversi altri luoghi, tra cui l’Armenia, Copenhagen e, recentemente, Palermo.

Borderlands è una raccolta di foto che rappresentano persone e luoghi che l’autrice ha incontrato nelle terre di confine dell’Unione europea, seguendo le linee dei confini, documentando meticolosamente aree remote e raccogliendo storie inedite.

Ha così ottenuto una visione comprensiva delle comunità che risiedono in questi luoghi marginali. Questa serie si concentra sulla connessione tra persone, territorio ed eventi storici, evidenziando l’importanza delle identità transculturali e transnazionali.

Il dialogo creativo è un progetto dell’associazione per il commercio equo e solidale L’Altrametà di Pordenone, realizzato con il sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.

Condividi