Rugby Sile, le trasferte preoccupano più degli avversari (Il video)

PASIANO DI PORDENONE – Novità all’orizzonte per il campionato di rugby di serie C2, che scatterà domenica primo ottobre. Novità per nulla piacevoli per almeno due squadre del Friuli Occidentale. Il Comitato Veneto della Fir, che organizza il torneo, ha infatti modificato largamente i gironi rispetto alla passata stagione e ha inserito il Rugby Sile di Pasiano – Azzano Decimo e la Polisportiva Montereale in un raggruppamento di dieci squadre che le vedrà impegnate con squadre del Trentino Alto Adige e del Veneto Orientale con evidenti problemi di logistica, visto che le due formazioni friulane dovranno affrontare una serie di trasferte lunghissime ed estenuanti con un costo aggiuntivo piuttosto considerevole. Se da Montereale, in realtà, nessuno si è espresso, chi ha manifestato non poche perplessità è stato il Rugby Sile attraverso le parole di Mario Ferraiuolo, coordinatore tecnico, fondatore e “anima” del club degli “Arieti” .”La trasferta più breve – racconta – sarà quella di Piazzola Sul Brenta con i suoi quasi 140 chilometri. Ma dovremo sostenere anche viaggi di 225 chilometri, che, ovviamente, diventano 450 sommando anche il ritorno, per andare a giocare contro il Sud Tirol a Bolzano. Ci sono poi i 203 per raggiungere il campo del West Verona o i 164, che ci separano dall’Oltrefersina Trento”. “Trasferte che inevitabilmente graveranno in maniera sensibile sul bilancio di una piccola realtà come la nostra, ma anche su quelli degli altri club, visto che le difficoltà economiche delle società di C2 sono comuni”.
“L’auspicio – conclude – è che il Comitato Veneto o la stessa Federazione ci possano venire incontro rimborsandoci almeno parzialmente le spese di trasferta”.
Nel frattempo il Rugby Sile è nel pieno della preparazione. Allo stesso Ferraiulo si è affiancato quest’anno nella conduzione della prima squadra anche Walter Corsini, mentre diversi giocatori potrebbero lasciare il Rugby Pordenone per accasarsi con i biancoazzurri.
CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO:

Condividi